Il ragazzo di Auschwitz
Il ragazzo di Auschwitz

Il ragazzo di Auschwitz

«Un libro straordinario che mantiene viva la speranza.» The Boston Globe

Il 29 ottobre 1939 la vita di Szmulek Rozental cambia per sempre. I nazisti marciano sul villaggio dove abita, in polonia, distruggendo le sinagoghe e cacciando i rabbini. Due persone muoiono durante quel primo giorno di saccheggio, ma il peggio deve ancora arrivare. Molto presto tutta la sua famiglia sarà uccisa, e Szmulek, a soli otto anni, è costretto ad affrontare l’incubo dell’Olocausto. Con tenacia e determinazione e grazie all’aiuto di altri prigionieri, sopravvive ad alcuni tra i più letali campi di concentramento, tra cui Dachau, Auschwitz, Bergen Belsen. Stuprato, picchiato, sottoposto per sei anni a ogni genere di privazione, vede la sua famiglia e i suoi amici morire. Ma essere riuscito a sopravvivere a questo inferno lo ha spinto a combattere per raccontare alle generazioni future gli errori che non dovranno mai più essere commessi. Dopo la liberazione da parte degli americani, si è trasferito a Boston dove, sotto il nome di Steve Ross, ha cominciato una nuova vita, lavorando costantemente per tenere viva la memoria degli orrori delle persecuzioni. Questo libro è la sua incredibile testimonianza.

La testimonianza senza precedenti di un sopravvissuto agli orrori dei campi di concentramento

«Il mantra “Mai dimenticare” a volte suona come la mia maledizione, ma dobbiamo fare in modo che le generazioni future comprendano il potere dell’odio.»


«Un libro necessario e bellissimo.»
Gary Shteyngart

«Il resoconto straordinariamente dettagliato di Ross è una testimonianza della capacità di resistenza dello spirito umano. È terribilmente attuale ancora oggi, un promemoria di ciò che può accadere quando perdiamo di vista l’umanità degli altri.»
Senatrice Dianne Feinstein

«Il lavoro di Steve Ross contribuisce a non far ripetere mai più gli orrori dell’Olocausto.»
Israel Arbeiter, sopravvissuto ad Auschwitz


Steve Ross

il cui vero nome è Smulek Rozental, è sopravvissuto a dieci campi di concentramento nazisti, tra cui Dachau, dove era incaricato di trasportare i corpi ai forni crematori. Ha lavorato come psicologo a Boston per oltre quarant’anni ed è il fondatore dell’Holocaust Memorial del New England.

Dettagli libro

Ti potrebbe interessare